mercoledì 18 aprile 2012

Concorso di Matematica "Kangourou"

Ragazzi,
finalmente sono uscite le graduatorie finali del Concorso di matematica Kangourou!

Siete stati tutti strepitosiiiiiiiiiiii, a dir poco: ognuno di voi ha totalizzato un buon punteggio.
Pensate che in tutta l'Italia avete partecipato al Concorso in 5706 e nessuno di voi e tra gli ultimi.
A noi docenti che vi abbiamo seguito non ci resta che farvi i nostri più fervidi complimentiiiiiiiiiiiiiiiii.
Ha sfiorato la vittoria Ilaria De Francesco, la nostra prima classificata nella graduatoria interna e la 67-ima nella graduatoria nazionale dove sono stati premiati in 25 e saranno solo questi che andranno a Mirabilandia per la finalissima. Sono tutti alunni delle classi quinte e 1 solo è delle quarte. Questi dati valorizzano ancora di più i vostri piazzamenti.
Io sono personalmente orgogliosa di voi tutti! Promettete bene e sono sicura che presto riuscirete a battere la concorrenza con la vostra bravura, perciò non mollate con l'impegno e lo studio.
Ricordate sempre quello che ci siamo detto negli incontri di laboratorio: "l'importante è partecipare con onore piuttosto che vincere  con disonore". 
Ecco le classifiche, quella interna e quella nazionale:





 

1 commento:

  1. maesra anna ma ci sono i compiti?comunque è bellissimo questo blog.
    Da Lorenza x M.Anna

    RispondiElimina

Da "INFORMASCUOLA" -Aggiornamenti quotidiani on line sul mondo della scuola-

I materiali didattici degli anni precedenti sono stati archiviati nel sito della scuola, nella sezione "Videoteca-Scuola". Per visionarli cliccare sul seguente indirizzo: http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

I NOSTRI SPONSOR...

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

LA NOSTRA SCUOLA

Sito scuola:http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

Dall'antico libro della saggezza....

“ Non inducete i ragazzi ad apprendere con severità e violenza, ma guidateli invece per mezzo di ciò che li diverte, affinché possano meglio scoprire l’inclinazione del loro animo” (Platone)