sabato 17 dicembre 2011

Natale in musica...


Image and video hosting by TinyPic

La scuola, mortificata da provvedimenti iniqui, non crolla ma, nell'autentico spirito del Natale, rinasce e "canta", creando momenti di partecipazione attiva ed emotiva che coinvolgono tutti, dagli alunni ai genitori e ai nonni, dai collaboratori scolastici alla dirigenza, dagli amministratori locali a tutti gli esponenti delle forze buone del territorio che collaborano con la scuola.

Il "Concerto di Natale" è un’occasione originale per stare insieme e per scambiarci gli auguri in un clima autentico e sincero, fuori dai soliti schemi abitudinari che rischiano di soffocare non solo la gioia della festa ma gli stessi sentimenti e le emozioni del Natale e, se è vero che cantare significa pregare due volte, sarà anche un modo autentico e innovativo per pregare tutti insieme affinché la gioia del Natale pervada i nostri cuori e ci faccia sentire l'armonia della fratellanza e del bene comune.

L’appuntamento è per il giorno 22 dicembre alle ore 18.00, nella chiesa di SS. Ciro e Giovanni di Vico Equense.

Il programma è ricco di iniziative: alla Messa seguirà il Concerto di Natale, ideato e organizzato dalla nostra scuola... per la nostra scuola, per la qualità della formazione dei nostri alunni, per la professionalità dei nostri insegnanti e di tutti gli operatori scolastici, per la realizzazione di valori che non possono essere mortificati dalla penuria delle risorse. Ecco perchè verranno raccolte delle offerte spontanee per contribuire a sostenere le iniziative formative a favore degli alunni più bisognosi e le attività scolastiche di qualità che la nostra scuola è impegnata a realizzare.

Il concerto sarà suddiviso in due parti: una vocale, incentrata su canti natalizi e una strumentale, basata su suonate per flauto.

Ma la serata riserverà tante altre sorprese e a scendere in campo non saranno solo i bambini del coro e del laboratorio musicale ma anche i docenti e la stessa dirigente, nella convinzione che, come afferma Jean Jaures “Non si dà quello che si ha, non si dà quello che si vuole, ma si dà quello che si è”. Così, ognuno di noi parteciperà alla manifestazione mettendo in campo il proprio bagaglio di conoscenze e di competenze per offrire ai presenti qualcosa di sé in un rapporto di interscambio e di solidarietà ma, soprattutto, per offrire agli alunni un esempio e una visione più ampia della nostra scuola che si configura sempre più come un ambiente stimolante, e propositivo, adatto alle esigenze di crescita emotiva e intellettiva di tutti.

Si assisterà, quindi, ad un gioco di squadra finalizzato ad esternare la gioia dello stare insieme e di far qualcosa di utile per sé e per gli altri con allegria e a suon di musica…

E’ come dire che “insieme si può”… "si può dare di più"; si può andare in controtendenza; si può abbandonare la logica dell'apatia, dell’individualismo e si può riscoprire il vero volto dell’umanità che ci rende persone uniche, attive, presenti e disponibili alle esigenze degli altri.

Noi ci saremo e voi?

Siete tutti invitati a partecipare per non perdere l'opportunità di divertirvi e di contribuire, con la vostra presenza e con la vostra offerta, alla buona riuscita di questa manifestazione.



Nessun commento:

Posta un commento

Da "INFORMASCUOLA" -Aggiornamenti quotidiani on line sul mondo della scuola-

I materiali didattici degli anni precedenti sono stati archiviati nel sito della scuola, nella sezione "Videoteca-Scuola". Per visionarli cliccare sul seguente indirizzo: http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

I NOSTRI SPONSOR...

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

LA NOSTRA SCUOLA

Sito scuola:http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

Dall'antico libro della saggezza....

“ Non inducete i ragazzi ad apprendere con severità e violenza, ma guidateli invece per mezzo di ciò che li diverte, affinché possano meglio scoprire l’inclinazione del loro animo” (Platone)