sabato 22 dicembre 2012

Giovanni Pascoli: Convegno e premiazione Concorso all'hotel Aequa

Il nostro Circolo Didattico, in collaborazione con il Comune di Vico Equense, ha ricordato nel centenario della morte il grande poeta e scrittore Giovanni Pascoli con il Convegno "1912-2012: Giovanni Pascoli cent'anni dopo" e il Concorso "Viaggio nella poesia pascoliana: il grande poeta nei ricordi dei ragazzi" che ha impegnato docenti e alunni delle scuole Primarie e Secondarie di primo grado.

In occasione del Convegno ci sono state anche le premiazioni degli elaborati in Concorso.

La prima parte dell'evento è stata dedicata interamente al Pascoli presentato attraverso la grandezza letteraria delle sue opere.

Ha introdotto i lavori, salutando i presenti, l'assessore alla Pubblica Istruzione, Antonino Di Martino. Poi si sono avvicendati i relatori invitati che hanno illustrato le caratteristiche della poetica del Pascoli nelle varie fasi della sua tormentata vita e tutti hanno riscosso l'interesse del pubblico che è rimasto ad ascoltarli per ore in assoluto silenzio.

Per prima ha parlato la prof.ssa Angela Barba, seguita dal prof. Salvatore Ferraro. Ha continuato il Prof. Leonardo Acone e la docente Florida Gattola.

Ha moderato gli interventi la dirigente del I Circolo Didattico, Debora Adrianopoli.

Interessante è stato anche l'intervento di Salvatore Guadagnuolo che ha letto alcune poesie del Pascoli.

Nella seconda parte sono stati consegnati i premi in palio, ovvero due borse di studio, per il primo e il secondo classificato.

A questi premi la Commissione giudicatrice del concorso, composta da docenti ed esperti nel settore artistico, ha aggiunto diverse note di merito motivandole per ogni elaborato menzionato.

Tutti i lavori in concorso, pregevoli per bravura e per impegno degli autori, sono stati esposti nella sala del convegno per lasciarli all'ammirazione dei presenti.

Si è giudicato il primo premio, nel settore lettario-produzione scritta, l'alunno Giuseppe Cafiero della classe II-D dell' I.C Caulino di Massaquano con la seguente motivazione della giuria: "Il giovane autore presenta in sintesi poetica un tema d’attualità, la ‘NATURA INQUIETA’, mostrando di aver colto il senso profondo del linguaggio poetico del Pascoli e di possedere padronanza d’uso della parola poetica. L’ opera fotografa, in immagini linguistiche costruite attraverso l’ uso sapiente dell’aggettivazione e della tecnica dell’acrostico, ‘un mondo ormai privo di sole’".

Il secondo premio, nel settore artistico, è stata assegnato  agli alunni delle classi terze del I Circolo Didattico di Vico Equense con la seguente motivazione: "Ricca di spunti interessanti l'interpretazione collaborativa dele tematiche pascoliane nella rappresentazione artistica "MALINCONIA D'AUTUNNO". Alcuni disegni primeggiano per la spontaneità delle forme e l'uso dei vividi colori (come il giallo di una immaginaria via luminosa) o per l'impiego sapiente di materiali naturali (foglie, corteccia)."


 N.b.
Tutti gli altri elaborati premiati con note di merito insieme agli atti del convegno saranno raccolti e archiviati nei prossimi giorni nell'apposita pagina web creato nel sito della scuola, all'indirizzo: http://www.primocircolovico.gov.it/index.php

                                                                                                  Doc. ref. Anna Guarracino

Nessun commento:

Posta un commento

Da "INFORMASCUOLA" -Aggiornamenti quotidiani on line sul mondo della scuola-

I materiali didattici degli anni precedenti sono stati archiviati nel sito della scuola, nella sezione "Videoteca-Scuola". Per visionarli cliccare sul seguente indirizzo: http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

I NOSTRI SPONSOR...

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

LA NOSTRA SCUOLA

Sito scuola:http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

Dall'antico libro della saggezza....

“ Non inducete i ragazzi ad apprendere con severità e violenza, ma guidateli invece per mezzo di ciò che li diverte, affinché possano meglio scoprire l’inclinazione del loro animo” (Platone)